LOTTA TEAM BOLZANO BUDOKAN

Prima ed unica palestra di lotta grecoromana a Bolzano, il Lotta Team Bolzano Budokan si affaccia sulla scena sportiva altoatesina nei primi anni '90, grazie all'impegno e alla dedizione del già istruttore di Karate e di Yosekan Budo, Mario Mannelli.

 

Dal 1973 Mario Mannelli ha contribuito con passione e costanza alla scena sportiva bolzanina. Il Lotta Team Bolzano Budokan, da lui istituito e coordinato, oltre ad offrire una vasta gamma di corsi sia di lotta che di avviamento allo sport, vanta anche numerose collaborazioni con le scuole elementari locali e con l’Estate Ragazzi.

CURRICULUM SPORTIVO / DIRIGENZIALE DI MARIO MANNELLI

 

Nasce a Bolzano, fin da giovane è attratto da diversi sport tipici della nostra regione, come pattinaggio ed hockey su ghiaccio, ma anche diversi sport di mare e di terra, tra i quali l’equitazione per alcuni anni.

Fin da giovane età è attratto dagli sport da combattimento; pratica per due anni pugilato (verso i tredici anni) nella “Bolzano Boxe” del compianto Antonio Di Curti.

Verso i diciotto anni, durante le ferie estive, inizia a praticare Judo al “Budokan Viareggio” continuando a Bolzano per circa un anno presso il “Ken Otani” del Maestro Salonia.

Successivamente, sempre a Viareggio, si appassiona al Karaté (disciplina che storicamente in Italia è iniziata proprio in Toscana) ove l’ 1/4/1972 conquista la cintura gialla.

Per approfondire la conoscenza tecnica viaggia in Italia ed anche in Francia, dove conosce i massimi esponenti della disciplina, come i maestri Nambu e Mochizucki.

E’ attratto soprattutto da quest’ultimo, sia per la didattica, che per l’efficacia del metodo e da lui otterrà la cintura nera di Karaté stile Wado Riu.

Dopo aver conosciuto a Verona il maestro Pierluigi Aschieri (attuale direttore tecnico nazionale del Karaté FIJLKAM – anch’egli allora discepolo di Mochizuki) ottiene la sua collaborazione per una pubblica esibizione a Bolzano nel marzo del 1974, che da inizio all’attività ufficiale della prima polisportiva di Arti Marziali in regione, che assume il nome di “Budokan Bolzano”.

Si trasferisce così a Bolzano anche quel piccolo gruppo di appassionati che, circa un anno prima, muoveva i primi passi tecnici di Karaté (guidati da Mario Mannelli) in una fredda palestrina ad Egna.

L’anno seguente Mannelli è chiamato a Merano dai fondatori dello “Sporting Center” (Lorenz Holzmann ed Enrico Pierotti) ed avvia la disciplina, insegnando per un anno e collaborando alla realizzazione del “primo campionato regionale di Karaté” con squadre di: Bolzano, Merano e Trento.

Con l’inizio della “Kick Boxing” Mannelli si fa promotore del “Karaté Americano con Protezioni” nelle due forme “Semi e Full Contact” divenendo ben presto arbitro, istruttore e coordinatore regionale, organizzando il primo campionato regionale a Bolzano presso il Palazzetto dello Sport di Viale Trieste.

Successivamente diverrà istruttore e coordinatore per il Trentino/Alto Adige dello Yoseikan Budo F.I.Y.B., organizzando al Palazzetto di Bolzano anche il primo campionato di questa disciplina, che attualmente è molto diffusa in regione.

Nel febbraio 1976 a Brescia entra a far parte del neo costituito “Consiglio Direttivo Nazionale Libertas Arti Marziali” con la qualifica di commissario, mentre successivamente per 7 anni ricopre la carica di “Presidente Provinciale Libertas” (succedendo all’uscente Mario Comina chiamato dalla Libertas a presiedere il Comitato Regionale )

Pur avendo conseguito il grado di esperto “cintura nera” nonché gradi “Dan” nelle diverse discipline di Arti Marziali, deluso dalle troppe controversie e divisioni tra le varie organizzazioni, decide, dopo un periodo di riflessione, di voltare pagina e di ricominciare da capo con una disciplina nobile ed antica quale “la lotta olimpica”.

Agli inizi degli anni ’90, Mannelli inizia a frequentare il blasonato Club di Rovereto del maestro Luciano De Biasi ed ad allenarsi nella “Lotta Greco Romana”.

Durante uno stage, conosce il pluri-campione olimpico Vincenzo Maenza (medaglia d’oro a Los Angeles e Seul ed argento a Barcellona, nella Lotta Greco Romana), col quale instaurerà un rapporto di collaborazione e sincera amicizia, che porterà il blasonato atleta, in qualità di tecnico federale, più volte a Bolzano.

Superando i corsi tecnico-pratici presso il Centro Olimpico Federale del PALAFIJLKAM di Roma/Ostia Lido, Mannelli consegue le seguenti qualifiche di Lotta Greco Romana e Libera :

 

• ALLENATORE ( CON DECORRENZA 1/1/1993)

• ISTRUTTORE (    “         “           1/1/1998)

• MAESTRO     (    “         “           1/1/2005)

 

Pur nella difficoltà della disciplina, diversi atleti bolzanini sono saliti sul podio in competizioni interregionali, nazionali ed estere.

Fra gli atleti pionieri della lotta è doveroso ricordare le diverse medaglie di Alessandro Di Biasi (nipotino del noto campione di tuffi bolzanino) e le due medaglie d’argento di Marco Mannelli ai campionati nazionali giovanili, preceduto solo dal fuoriclasse Andrea Minguzzi (vincitore dell’oro a Pechino 2008).

Fra gli altri atleti medagliati a Roma (per finali giovanili e/o campionati italiani) ricordiamo Nogler Sabine, Burato Ruben, Stefano Romagnoli, Alex Pennati ed i gemelli Marcel e Viorel Putregai (quest’ ultimo campione italiano 2007 nei 58 kg greco-romana, classe cadetti e per  quattro anni medagliato alle finali nazionali giovanili assieme al fratello).

 

In tempi più recenti invece ricordiamo:

 

- L'ottima prestazione di Matteo Cavagnolo, medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Under 15 di Lotta Greco Romana (categoria Kg 53) tenutisi a Roma nel marzo 2013. 

 

- Il successo di Stona Alessio, medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Cadetti di Lotta Greco Romana (categoria Kg 69) tenutisi a Roma ad aprile 2016 e medaglia di bronzo in Coppa Italia (Novembre 2016 a Rovereto).

 

- Gabriel Capone medaglia di bronzo ai Campionati Italiani lotta greco romana (kg 76) classe cadetti tenutisi ad Arezzo in data 1 aprile 2017

Vita di Vincenzo Maenza
Vita di Vincenzo Maenza
Webmastering Monica Mannelli
Webmastering Monica Mannelli